Friday, February 8, 2008

Diceva Pablo Picasso....

Diceva Pablo Picasso, il grande ciclista spagnolo… Skerzo, so benissimo che era un poeta (e un po’ beta!), o meglio un pittore che ha rivoluzionato l'arte del nostro tempo, … diceva l’immenso Pablo che “L’artista ha un’idea importante… Poi, dopo dieci anni, arriva uno [un artigiano] che la sviluppa in maniera esatta, efficace e perfetta!”. Com’è vero! Com’è vero!! Prendete ad esempio la storia degli Skiantos: partiti alla grande, con un’intuizione originale [l’invenzione del genere “demenziale”], ma troppo estrema, troppo radicale, troppo “punk”… Poi, dopo circa dieci o quindici anni, si sono ritrovati sul loro percorso il gruppo di “Elio & Le Storie Tese” (che anche nel nome citavano i maestri), i quali – rendendo inattaccabile la parte musicale – hanno aggiustato il tiro dell’esperimento, trasformandolo in qualcosa di commercialmente appetibile, anche dal vasto pubblico! Gli Skiantos apparivano ingestibili, volgari, oltraggiosi e perfidi, mentre la rassicurante goliardia innocua di E.S.T. garantiva a quest’ultimi l’attenzione disimpegnata delle masse. Di fronte alla perizia tecnica, lo spettatore medio rimane basito e conquistato, poiché gli viene mostrato tutto ciò che lui non riuscirà mai a fare e dunque convinto all’ammirazione acritica. Allora mi chiedo / Vi chiedo: basta essere dei musicisti virtuosi per meritare il successo? Le canzoni non dovrebbero essere fatte anche di un buon testo?? Quanto sono importanti le parole in un brano rock, o comunque in una canzone di musica leggera?

Commenti

1. Giangiacomo ha detto...

Normalmente non si da molta importanza ai testi nella musica rock, con le dovute eccezioni s'intende, ma la canzone in quanto tale e' fatta di musica e testo e puo' succedere cha ad un buon testo sia accompagnata una musica poco significativa. Come al solito e' un problema di equilibrio e se fossi in te Freak, cercherei di fare con coerenza la mia strada, fregandomene assolutamente di quello che fanno gli altri, soprattutto Elio e le Storie Tese, che non mi sembra abbiano mai evocato primati che non esistono. E' come se negassimo che Elvis Presley o John Lennon hanno preso le loro ispirazioni dai padri dei Blues...

2. kolosimo ha detto...

no, non basta essere bravi musicisti o virtuosi artigiani dello strumento; difatti gli eelst mi hanno sempre fatto molto vomitare (anzi, cagare!)...
testo e musica devono amalgamarsi, realizzare una sinergia. le canzoni di Elio non raggiungono mai, secondo me, alcun effetto poetico, al massimo, dico al massimo, divertissement fine a se stesso.
Poi capisco il risentimento personale di Freak nei confronti della band milanese: e' inutile negarlo, le scopiazzature non si contano.

3. Dr.+Detroit ha detto...

Gli Skiantos sono e rimangono roba per buongustai, l'arguzia di alcuni testi in particolare non puo' essere afferrata da un pubblico generalmente superficiale... Gli Elii sono ottimi musicisti, ma tutto finisce li'... con le goliardate piu' o meno riuscite. Inoltre in quanto bravi musicisti di impronta jazz sono dotati di notevole spocchia, cosa che personalmente me li rende antipatici.

4. Osservatore Rotante ha detto...

Si, per avere successo basta essere dei musicisti virtuosi, a volte anche meno. Per essere grandi, pero', no. Il testo conta solo per chi e' intelligente.. nel senso piu' etimologico, che sa "leggere fra le righe" l'arguzia, l'ironia, cose che creano una complicita' fra chi suona e chi ascolta. Ovviamente trovo grandiosi sia gli Skiantos sia Elio e le storie tese. E' indicativo pero' che ho scoperto per primi gli EST.

5. Prof. Fontecedro ha detto...

Il testo e' fonda-mentale, cosi' come la musica, ma per "musica" leggasi non tanto virtuosismo tecnico/esecutivo quanto invenzione melodica/armonica. Mi pare che EEST siano piu' dei virtuosi che dei compositori geniali. Qui il loro limite. Il Vostro delirio anarcoide e' di altro stampo, miei cari, lo sappiamo, ma anche i Vostri momenti migliori vengono quando il connubio liriche-musica funziona.

6. Chinotto ha detto...

Onestameente preferisco piu' voi rispetto agli E.S.T. che pur essendo bravissimi, sotto il profilo strumentale e sparando anche battute divertenti,mnacano della componente che vi contraddistingue, la ribellione!

7. Eptadone ha detto...

Trovo gli E.S.T. bravi come musicisti e anche ironici, secondo me loro hanno piu' pubblico e piu' visibilita' perche' comunque fanno i trasgressivi e gli alternativi ma non lo sono poi fino in fondo, forse perche' hanno capito che fa comodo cosi' e hanno quel giusto equilibrio per tv e radio che piace a tutti...
Gli Skiantos al dopo festival di Sanremo non li chiamerebbero mai perche' hanno paura della sincerita' e dell'anarchia.
Resta il fatto che voi siete musicisti fantastici e niente avete da invidiare a E.S.T. ne' come musica ne' come testi pero' siete piu' difficili da capire per la massa di caproni che c'e' in giro..

8. anonimo ha detto...

secondo me freak ve sta a piglia' pel culo

9. Zabrini ha detto...

Gli sKiantos scoppiano nel 1977 ed INVENTANO il ROCK demenziale. Dieci anni dopo scalano la cima gli eelst, ma continuando una tradizione di musica COMICA.
Nulla centra il ROCK DEMENZIALE con la musica comica
O per lo meno io le trovo differenti
A me piacciono gli eelst, ma amo gli sKiantos.

10. enrico dignani ha detto...

Libiamo nei lieti calici

Tutto e' follia nel mondo cio' che non e' piacere.
Super fighe e creativi
in cerca di confidenze
subliminali
coloniali
metafisiche
fisiche:
il vaniloquio non e' nocivo
il demenziale serioso o allegorico propositivo
due modi di parlare a vanvera: uno sciocco l'altro ozioso
congetture molto sensate
nascoste
tra suggestioni suggerite dal caso
danno forma poetica al pragmatico
la droga non serve
quello che serve e' il facile profitto ..
in un silenzio liquido
un cecchino con occhiali
accecati dal fango
se la ride
la fortuna
il modo piu' facile d'esser intelligenti
la convenzione e' circoscritta
dal manganello con lo stipendio
no global
bacia la mazza.
Tutto e' follia nel mondo cio' che non e' piacere.

gli SKIANTOS il meglio del Rock italiano di tutti i tempi ..

11. PANICO firenze ha detto...

Ciao Freak...
Per me e molto importante il testo delle canzoni..soprattutto nel rock e nel punk...come ben saprai, sicuramente meglio di me, che ho 17 anni, che determinate persone che ascoltano questo genere lo fanno perche hanno degli ideali, delle credenze diverse da altri tipi di generi musicali..e molto importante il testo, perche uno si ritrova prime nel testo di una canzone...la TUA canzone piu bella e' NON SONO UN DURO...e prima di ascoltare la canzone in se, ho ascoltato il testo ("magnifico")..e mi ci sono ritrovata....tantisimo..sei bravissimo!!!e bellissimo!!ti adoro!!!ti seguo dal 2002...non e' tanto, ma avevo solo 12 anni...sei stupendo!!!!!baci,baci,Ilaria..

12. Kakkole ha detto...

Negli ultimi album hanno dimostrato anche impegno politico (congresso delle parti molli). Voi l'avete inventato e loro hanno preso voi e zappa e c'hanno fatto altro. E poi canzoni come kakkole non hanno sto grande spessore! mi piacciono gli skiantos ma amo gli eeeeeeelst.
NB hanno accompagnato sabina guzzanti prima delle elezioni 2006.

13. Lupo ha detto...

Bela regaz, io penso il virtuoso si merita il successo del virtuoso, che e' di molto inferiore al merito del poeta (e certamente a quello del Poeta):
la differenza tra tecnica espressiva e il contenuto espresso e' incolmabile e chiara (spero).
Esmpio estremo: gli Skrewdriver suonavano un ottimo punk rock, ma i per loro testi avrei loro spaccato volentieri i denti da latte nella culla, e per questo non li ascolto nemmeno.
Insomma nel rock la qualita' della musica non e' quasi mai importante quando il testo e' mooooooooolto buono. Mentre se non hai niente da dirmi, e' inutile che me lo dici in musica.
Il problema oggi e' molto serio nella balotta Hip Hop: mentre c'e' un casino di gente sconosciuta che si fa il culo e scrive robba bona, il rap u.s.a. vende in tutto il mondo la sua merda grazie al fatto che il ritmo e i vestiti che usano vanno di moda, e nessuno capisce i testi che sono delle boiate.
(Io sono emigrato in brasile e qui il rap e' una figata. Niente a che vedere col rap u.s.a. vale la pena conoscerlo!)

Oh, Maestro! Non ti adirare se chiudo citando un altro maestro: "... il punk ... e' l'esplosione musicale che diceva:
fanculo qualsiasi tecnica, quello che m'interessa e' l'anima di chi suona e non la qualita' dello strumento..."
Ferretti (Live in Pankow).

Lupo

14. Franco o Mario ha detto...

La mia vita e' migliorata nel 1986 al primo concerto degli Skiantos. Da allora ho un imprinting che non mi toglie piu' nessuno. Simpatici E.S.T ma siccome preferisco grattarmi i coglioni con la carta vetrata che con le salviette palmolive non scalfiscono il fatto che gli skiantos restino da sempre il mio gruppo rock preferito. E.S.T suonano bene ma sono ironici da goliardia universitaria mentre a me piacciono i cani rabbiosi un po' dementi. Quindi avanti skiantosssss!

15. franco+zanello ha detto...

Scusate: chi sono Elio e Le Storie Tese? Ho cinquantanni e non me li ricordo, boh.

16. monotonofreak ha detto...

servono anche testi intelligenti(come i vostri), le canzoni non possono essere solo belle musicalmente, sinceramente preferirei un vostro concerto....un po di demenziale un po di stupidita' guidata da ironia, gli skiantos sono unici hanno avviato una rivoluzione culturale!

17. federico ha detto...

bella freak,
ho visto qualche concero di eelst...si bravissimi musicisti..testi abbastanza ignoranti..ma non mi trasmettono assolutamente quello che mi trasmettete voi ai vostri concerti..non c'e' un giorno che non ascolto gli Skiantos.,.forse ci sono rimasto anche per quello..
Continuate cosi' non andate incontro al mercato,continuate ha fare la qualita' che vi differenzia dagli altri..vi adoro!!!!!!
SESSO e KARNAZZA

18. 18. Skianticida diciotto, tocca a me! ha detto...

...il nocciolo della questione non e' il confronto tra Skiantos e E.L.S.T.

... perche' non c'e'confronto...

e' come paragonare la cioccolata colla merda, oppure le 8 Meraviglie del Mondo con gli stand della Festa Provinciale dell'Umidita'...

il vero confronto va fatto sul pubblico: il pubblico di merda nel 98% dei casi non distingue il Bene dal Male...

non ci riva... non ha lo stato di grazia per capire che E.S.T. sono roba di maniera...
paccottaglia da bancarella per turisti... articolame da mercatone cinese...
salumeria e formaggio cheddar sottovuoto da discount di quarta (riciclato dopo la data di scadenza)..

ALLA FINE E.L.S.T. VIENE EQUIPARATO ALL'ORIGINALE, PERCHE' IL PUBBLICO DI PUNKROCKER E IL PUBBLICO DI MERDA SI PAREGGIA:

nel senso che il 2% di PunkRockers che crede in Freak,
in valore vale come il 98% di fedeli di altre pararockers tipo E.L.S.T.

mentre il 98% in numero (in)fedeli di paracantastorie, in valore vale il 2%.

Anche se siamo PunkRockers patentati, alla fine va patta col pdm...

La matematica non mente, Freak.

Perdonaci Signore dei CDischi, siamo pochi... ma please, perdona anche il pdm.. non sa quello che fa. Paga dalla parte sbagliata, e segue gli E.L.S.T e altri fuck-simile, perche' non capisce (capire dal latino capere, contenere... tu gli dici, il pdm non contiene... come uno scolapasta)...

19. akplm ha detto...

Skiantos siete il nostro punk 77! l'orgoglio del paese scarpa per i punk-rokers! E.S.T. fanno musica per paraculi, musica per ingenui! insomma non hanno il coraggio di arrivare al nocciolo! questa e' ipocrisia artistica!

20. funfaluka ha detto...

Per me i ritmi sincopati e i cambi di ritmo di Elio e Co non sono virtuosismi, sono un paravento per mascherare i problemi di Elio con la metrica.
Anche Freak e' una truffa: dietro ai suoi attestati di rude demenza semianalfabeta si nasconde una mente capace di lampi di genio capaci di rivoluzionare il patrimonio aforistico nazionale. Per spiegazioni sul significato del termine "aforistico"
chiedere delucidazioni allegando numero di carta di credito, grazie.

21. Piroejecta ha detto...

urka!!! Elio artigiano/cortigianocol carciofo Cynar in culo...

22. Rosalinda ha detto...

Non c' confronto Freak: Elio e i suoi non sarebbero nemmeno esistiti senza di voi, sono superflui i paragoni tra la musica pop commerciale di Elio (simpatica come passatempo innocuo e buona per uno spot pubblicitario) e la musica rock demenziale.
E' una questione di scelte.
:)

Nome
URL
Email
l'indirizzo Email non sarà pubblicato
Ricordami
Commento

CAPTCHA
Scrivi i caratteri che vedi nell'immagine soprastante